pirataa

10. C’è chi dice no (il pirata)

Questo contributo arriva da un nuovo autore del collettivo theNodes, il Pirata, che vuole raccontarci il suo personale incontro con Barri Kate. Spero che Bk voglia rispondergli…

La giornalista e io stavamo sempre in contatto e mi parlò di Barri Kate, un fotografo molto furbo a parer mio, altrettanto cinico e approfittatore. Ma sono le mie idee about it… Il guaio iniziò quando parlò di me a lui, cazzo mi ero nascosto dove il vento soffiava a 180km/h e trovo un tipo bizzarro che vorrebbe incontrarmi. La sua arte non la capivo e non mi interessava. Incontrarmi per parlare di fotografia, io? Ne avessi mai scattata una di foto. Quelle del libro? O le fece la mia ex moglie o un ex amico. Io mi limitai a mandare 4 cazzo di mail…

Finì che dovevo scendere per incontrare vecchi amici e soprattutto una vecchia amica dopo 25 anni. Tempo ne avevo… Così presi un volo per Milano e alloggiai in un albergo. Rimanemmo d’accordo per incontrarci a pranzo in un luogo scelto da me: ho un rapporto quasi sessuale col cibo e se non godo mangiando mi incazzo parecchio. Quindi verificata l’attuale esistenza di un vecchio posto così fu deciso. Quello era il posto dove incontrai per l’ultima volta il mio migliore amico prima che morisse avevo un altro conto da saldare coi miei fantasmi. Non potevo sbronzarmi come avrei voluto perché la sera avevo il fatidico incontro dopo 25 anni, l’alcol fu una causa scatenante per cui ci perdemmo di vista. Avevo problemi con l’alcol, ma i problemi li avevo anche da sobrio …

Un sms: “Siamo in ritardo comincia a mangiare”. Fanculo pensai e mi sedetti per un percorso completo a tutta calma. Riempii un secondo bicchiere di vino lo misi al mio fianco. Ogni tanto mi giravo verso il posto vuoto. Un tizio che gli avrei spaccato il muso mi osservava. Pensai fossi Barri kate, me ne infischiai mi godetti il pranzo in compagnia dei miei fantasmi. La cameriera osservò il bicchiere e mi guardò con aria seria quasi avesse capito. La giornalista arrivò da sola poi arrivò il tizio che avevo sgamato al volo. Gli rifilai una stretta di mano formato pressa, così per fargli del male.

«Ti ho osservato oggi e anche ieri e anche in foto, saresti un soggetto perfetto per le mie polaroid», mi disse guardandomi negli occhi.

«Non ho bisogno che mi porti delle puttane extralusso per divertirmi amico, perché accettare in cambio di essere filmato? spiegami?»

«Vivresti la giornata perfetta e rimarrebbe immortalata, pensa Barri Kate e il pirata non ti piacerebbe? questo è il mio biglietto da visita pensaci», disse facendosi per alzarsi. Lo tirai giù di forza.

«Amico mio», gli feci ironico, «sentimi bene: io le tue polaroid le conosco e io non vivo dietro l’angolo». Lo vidi sorridere . Bene pensai, ora sotto.

«La vita è una partita a scacchi non puoi mai sapere con certezza cosa pensa il tuo avversario. Cosa pensa? Le tue foto» continuai, «avranno dei riferimenti artistici che a me sfuggono, hai una gran bella clientela e ci fai dei gran soldi. Va bene! Ma per me sono come quei quadri che vedevo fare 25 anni fa da qualche artista di strada, che rispetto molto sia chiaro. Prendevano 3 bombole di vernice dei coperchietti spruzzavano coprivano mischiavano e uscivano dei bei dipinti. Che senso ha filmare un orgia per poi trasformarla come fai tu? Chissà dove vanno a finire i filmati penso io?».

Si innervosiva. «Bene», pensai.

«Frequenti gente col grano, magari li ricatti cosa che a me non potresti fare… Facciamo un patto: se mi dai il 50% del guadagno accetto altrimenti no. Hai detto che sono un soggetto interessante? È una bella trovata ma a volte non funziona».

Erano mesi e mesi che volevo trattarlo male e 6 infusi di limone stile grappa mi aiutarono bene.

«Perchè vedi amico mio, se mi freghi, e lo so che vorresti farlo, tu sei fottuto per sempre».

Si alzò sdegnato e se andò senza proferire verbo!

La giornalista muta durante la discussione mi disse che ero stato uno stronzo e se ne andò. Io guardai il bicchiere pieno al mio fianco sorrisi e pagai il conto. Quando uscii la cameriera era seduta su una panchina che fumava una sigaretta. Ma questa è un altra storia.

Il pirata

(leggi qui la risposta di Barri Kate)