Collabora con noi

Hai qualche minuto da dedicarci?

L’idea è quella di pubblicare il contributo di diversi scrittori che ritengono valida l’idea che sta alla base di questa nuova iniziativa editoriale che altro non è un romanzo collettivo dove a una storia portante si innestano tante storie parallele altrettanto potenti da cambiare il corso della trama principale. Ognuna caratterizzata dalla personalità, dal tipo di scrittura, dal cinismo e dalla sensibilità di ciascuno scrittore e/o artista.
I contributi saranno man mano pubblicati sul sito e alla fine faranno parte del libro che verrà pubblicato alla fine del progetto che andrà avanti fino a gennaio 2015.

Premesse necessarie:
– da qualche settimana l’autrice Nop pubblica sul suo blog dei post con #BarriKate. Potete andarli a leggere qui.

– La storia che Nop racconta è questa:
Sul mio blog l’anno scorso ho pubblicato delle poesie di un artista sconosciuto che mi aveva contattata chiedendo spazio sul mio portale. Io avevo accettato. Dopo parecchi mesi che BarriKate non si faceva vivo ho messo un annuncio su Facebook e su Twitter chiedendo informazioni su di lui.

Sul blog ricevo alcune segnalazioni. Tra questa quella di una certa Giorgia che mi mostra una Polaroid che le ha scattato BarriKate in una delle sue “notti creative”. Vengo a scoprire che l’artista sconosciuto è tutt’altro che sconosciuto in un determinato ambiente (che è ancora tutto da definire e che verrà definito dai vari racconti) e che sono in molti ad aver avuto e a volere una Polaroid di BarriKate.
Tra questi anche io.
Sul blog ho pubblicato già alcune fotografie e la prima parte del racconto sul mio incontro con l’artista che sfido ogni volta a venire allo scoperto minacciandolo di raccontare tutto.
BarriKate sta iniziando a rispondere.
Io gli ho lanciato la sfida. Farmi raccontare di lui, e ovviamente renderlo di dominio pubblico, dalle persone che si sono fatte fare una Polaroid il contesto in cui è stata scattata.

Chi accetta di intervenire nella storia deve sapere che:
– Non è stato mai chiarita l’identità sessuale di BarriKate. Potete lasciare nel lettore il dubbio, o magari accentuarlo, oppure potete chiarirlo facendo in modo che il lettore si identifichi meglio.

– BarriKate scatta le sue polaroid nel momento massimo di eccitazione dei suoi modelli/e. Poi le rielabora con collage, photoshop, montaggi per renderle opere d’arte.

-BarriKate regala la polaroid ai suoi modelli/modelle, ma si tiene tutti gli altri scatti che riutilizza in altre opere da vendere in giro per il mondo. Lavoro che lo fa campare.

-Sono i modelli/modelle a proporsi a lui che valuta se accettare o meno il lavoro. Per ora non ho mai trovato nessuno/nessuna che sia stato rifiutato.

Ecco la proposta:
La storia principale, che io racconto in prima persona si snoda attraverso i racconti di chi vuole contribuire.
Il racconto può essere lungo quanto si desidera: da una mezza cartella a quanto inchiostro c’è nella stampante.
Può essere scritto in prima persona, attraverso la narrazione di un personaggio completamente inventato, o come suggerisce la fantasia.
Deve contenere una minima descrizione della polaroid: cosa c’è raffigurato, quanto è colorata, ti piace, ti ricorda delle sensazioni belle o brutte, cosa rappresenta? In base a queste descrizioni che verranno pubblicate come critica nell’eventuale catalogo delle opere BarriKate realizzerà l’immagine. In più serve un breve identikit del personaggio che entra in scena.

Che ne dici? Si può fare?

scrivi a: info@thenodes.net